Accrescimento Del Capitale, Investimenti, Gestione Del Risparmio: Con Chiara Sinchetto

In quest’ultimo episodio del podcast Discovering, ho incontrato un consulente finanziario. Donna.

Sto parlando di Chiara Sinchetto… Ma chi è Chiara Sinchetto? Scoprilo cliccando qui.

Abbiamo parlato di investimenti e risparmio, tutte cose che sono sicuramente legate al mondo dell’immobiliare. Sai, tutto è partito da un post che lessi nella sua pagina facebook, si parlava di PAC, ossia Piano di Accumulo Del Capitale.

Allora ho deciso di contattarla e chiarire la questione, in pratica si tratta di investire risparmiando.

Il mio spunto di riflessione era quello di rispondere ad una problematica piuttosto grossa di tanti aspiranti investitori: la carenza di capitale per poter cominciare.

Ora, sia nel corso per super apprendisti immobiliari, TURBO Business Immobiliare, che nella sua naturale conseguenza, B2L: Buy To Let, Comprare Per Affittare, ragiono sul fatto che per investire in immobili da mettere a reddito servano capitali, non mi è sembrato manco vero leggere quelle parole.

Quindi, nella puntata abbiamo decisamente approfondito il discorso, sia attraverso il PAC che altri strumenti che permettono la diversificazione.

Ad un certo punto a Chiara ho chiesto: “Cosa fanno i tuoi clienti?”

Lei mi ha risposto che in linea generale finisce per conoscerli discretamente bene… Allora, in quei momenti si raccontano fatti personali e momenti vissuti, magari guarda caso raccontano del fatto che hanno diversi immobili a reddito e che hanno scelto il mattone come fonte extra di reddito.

Poi, alla domanda dove le ho chiesto quali fossero gli ingredienti per risparmiare e per ottenere un buon capitale, lei mi ha detto che sono due le cose: costanza e resilienza.

Chiara ci racconta come nel suo ambito molto spesso le perdite sono causate da noi stessi, dall’emotività, non tanto dalla volatilità dei mercati.

Insomma, una volta investito, non siamo più al punto zero, l’investimento nel bene e nel male sta lavorando per produrre un risultato.

Di solito, se per esempio il mercato va un pelino male, nel cliente subentra il panico. Nonostante a mente fredda si era preparati a scalare la montagna, quasi tutti ad un certo punto staccherebbero la spina.

Quindi, il takeaway è senz’altro quello di avere costanza e coerenza in quello che si sceglie, mantenersi freddi e lasciare a casa l’emotività.

Il discorso della resilienza è invece legato al fatto che bisogna essere pronti a tutto, adattarsi e provare a “mettersi a proprio agio” nel minor tempo possibile.

Abbiamo poi parlato dei cicli immobiliari, sai bene quanto sia legato a queste tematiche e quanto ritenga importante imparare a capire il movimento dei cicli. Insomma, capire quando vendere e quando comprare in modo da ottenere il miglior investimento possibile.

Sulla base di questo, Chiara ha anche aggiunto che tutto è relativo. Per esempio, avendo due clienti che investono sullo stesso fondo, potremmo avere due reazioni completamente diverse. In pratica, in base ad un determinato movimento del mercato, se uno ha per esempio comprato azioni un po’ a saldo la reazione è completamente diversa rispetto a quello che ha comprato nel momento in cui il valore di acquisto era alto.

In conclusione, ho chiesto a Chiara se la finanza fosse considerabile come un “investire sano”. La risposta è stata semplice ma sorprendente…

Ascolta qui la puntata intera per sapere come è andata a finire:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.